Attività

Dopo le mafie. Progetto per la valorizzazione e la gestione partecipata dei beni confiscati è il primo progetto promosso dall’Associazione Circola – Cultura, Diritti, Idee in movimento.

Il progetto si propone di affiancare i Comuni assegnatari o destinatari di beni immobili confiscati alla criminalità, per aiutarli a elaborare e utilizzare strumenti amministrativi, gestionali, di comunicazione e di coinvolgimento della comunità, che li agevolino nella gestione e nel riutilizzo dei beni stessi.

La prima edizione del progetto verrà avviata, nei primi mesi del 2017, nei Comuni di Milano, Pero, Rho, Rozzano e San Donato Milanese.

Il progetto ha durata biennale (gennaio 2017 – dicembre 2018) e prevede diverse fasi e attività specifiche.

In ciascun Comune sono stati individuati uno o più beni confiscati alle mafie che saranno oggetto della sperimentazione.

Il progetto riguarderà più immobili nel Comune di Milano, una villetta nel Comune di Rozzano, due locali nel quartiere Poasco di San Donato Milanese e per finire un terreno nel Comune di Rho. Il Comune di Pero non ha individuato un bene su cui sviluppare la progettazione, ma l’amministrazione sarà comunque coinvolta in un percorso di formazione e informazione sui temi della gestione dei beni confiscati.